Giovanna Bellandi

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

La ragazza dei lupi - Katherine Rundell

“Feo non riusciva a ricordare un momento in cui non avesse conosciuto e amato i lupi. Era impossibile non amarli: erano slanciati, bellissimi e implacabili…Sua madre ripeteva sempre che aveva imparato a ululare prima ancora di riuscire a pronunciare qualche parola. Lei capiva i lupi; i lupi, pensava Feo, erano tra le poche cose al mondo per cui valesse la pena di morire.”

Ma chi sono i SOFFIALUPI coloro che educano i lupi al coraggio, insegnano loro a ululare e a diffidare degli umani.
Nella Russia degli Zar, Feodora abita con la madre nelle gelide foreste intorno a San Pietroburgo, dove la neve è la protagonista e la compagna di vita.
La famigliola vive di stenti in un’umile casa, ma in una solitaria felicità che spesso rende tutto molto bello e rassicurante agli occhi della ragazzina, un po’ selvatica e con scarse capacità di interagire con gli altri.
La sua esistenza è accompagnata dalla presenza costante dei lupi, perché Feo e la mamma sono soffia lupi. Nella società aristocratica russa era uno status symbol possedere un lupo come animale da compagnia, un lupo da società che sapeva su richiesta: dare la zampa, stare sdraiato e ballare sulle zampe. Quando i nobili si stancano di loro, per liberarsene li inviano nelle lande selvagge della Russia e qui trovano accoglienza dai soffia lupi, persone che conoscono l’arte di insegnare ai lupi a tornare coraggiosi e ad imparare a vivere nella natura che li circonda.
Feo è maestra in quest’arte e passa le sue giornate insieme a tre lupi a cui ha ridato il piacere della libertà.
Fino al giorno che l’esercito russo, comandato dal terribile Rakov, non prenderà di mira queste due coraggiose donne, e arresterà la madre, con la colpa di aver insegnato ai lupi da società ad uccidere gli altri animali. La ragazzina si opporrà alla violenza e cattiveria del generale anche con l’aiuto di Ilya un soldato che diserta dall’esercito, dopo averla conosciuta.
Insieme i due ragazzi con i loro lupi fedeli e un cucciolo nato dall’ultima lupa arrivata e subito uccisa dai militari, percorrono la strada per San Pietroburgo alla ricerca della madre sequestrata, per liberarla. Lungo il percorso incontrano gruppi di persone, povere e umili, ma con una gran voglia di rivolta contro la dittatura zarista, i soprusi dei militari per l’affermazione della libertà. Questa povera gente aiuterà Feo a liberare la madre, a saccheggiare la prigione di San Pietroburgo e a distruggere il potere del terribile generale Rakov che morirà sbranato dagli amati lupi Nero e Bianca.

Un libro che ti trasporta in un mondo dove la natura è la protagonista, in cui l’amore per la libertà nasce dai buoni sentimenti come coraggio e speranza per il futuro. L’uomo e l’animale sono amici indissolubili, in un’avventura che coinvolge fino a sentirsi partecipi e presenti in ogni riga del testo, in ogni scena del romanzo.

Se ti è piaciuto allora … leggi anche questi libri:
"Zanna Bianca" di Jack London.
"Il Richiamo della Foresta" di Jack London.

Giovanna Bellandi, Biblioteca comunale di Pescia.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate