Armida Rrahimi

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Il castello errante di Howl [Videoregistrazione] - un film di Hayao Miyazaki

"Howl,perdonami se sono così tarda. E tu che hai aspettato per tutto il tempo."

Questa è stata sicuramente una delle parti che mi è più piaciuta del film,quando Sophie bacia Howl, verso la fine. Adoro questa citazione, perchè Sophie capisce di amare veramente Howl. Provano un grande amore l'una per l'altro che immagino sia eterno. Sophie all'inizio è diffidente a fidarsi di Howl,visto che le voci che giravano sul suo conto non erano delle migliori. Penso che siamo un pò tutti lenti a capire i proprio sentimenti, e molte volte quando ce ne rendiamo conto è troppo tardi e magari perdiamo la persona amata. Credo che questa frase rispecchi un pò tutti noi,come chi ama,in questo caso Howl,aspetti che anche l'altra persona (Sophie) si renda conto di amarlo,invece che lasciar perdere Howl combatte.

La sposa cadavere [Videoregistrazione] - di Tim Burton, [con] Johnny Depp, Helena Bonham Carter

"Victor: Con questa mano dissiperò i tuoi affanni,il tuo calice non sarà mai vuoto perchè io sarò il tuo vino. Con questa candela illuminerò il tuo cammino nelle tenebre. Con quest'anello io ti chiedo di essere mia."

Questa frase mi è piaciuta particolarmente perchè è buffa la vicenda,come Victor,il protagonista,affascinato dalla giovane Victoria a cui è promesso sposo,senza all'inizio neanche conoscerla. Durante le prove per le promesse del matrimonio,lui non riesce a pronunciare la promessa perchè è agitato,forse affascinato dalla giovane ragazza di cui si è innamorato appena l'ha vista. Balbettando non riesce a pronunciare correttamente la promessa,così le prove vengone rinviate. Victor,amareggiato,si rifugia nel bosco e prova la promessa,la recita bene e poi mette l'anello ad un ramo che sporge da terra facendo finta che sia la mano di Victoria. Ma accade ciò che non si aspettava,il ramo a cui ha messo l'anello si rivela infatti la mano di una giovane sposa morta a cui si ritrova sposato per aver recitato la promessa. Da qui parte una serie di vicende,Victor cerca di tornare dalla sua Victoria ma fallisce.
Alla fine però Victor si ricongiunge alla sua Victoria.
La prima volta che ha recitato questa promessa,alle prove per il matrimonio,non l'ha recitata bene,l'unica volta in cui la dice bene,si ritrova catapultato nel mondo dei morti.
La promessa è densa di significato,esprime amore verso la persona amata,esprime una promessa di amore e fedeltà reciproca. Penso sia una frase veramente significativa,oltre al fatto di ciò che accade,è come un giuramento di amore eterno,un amore anche oltre la morte,come esprime il film. Il giuramento di una vita di coppia che mira alla felicità,saltando gli innumerevoli ostacoli messi dalla vita stessa. Concludendo ho amato questo film,seppur un cartone animato è di certo meglio di altri altri film sulla vita reale che ho visto,perchè è sempre bello pensare oltre,in questo caso oltre la vita.

R: Little miss sunshine [Videoregistrazione] - directed by Jonathan Dayton, Valerie Faris

"Il mondo si divide in due categorie: i vincenti e i perdenti. Dentro ognuno di voi,nessuno escluso,alla radice stessa del vostro essere,c'è un vincente che aspetta di essere svegliato e sguinzagliato per il mondo!"

Penso che questa frase abbia uno sfondo di verità,si è vincenti anche senza "vincere" qualcosa,anche solo senza mollare mai,continuando a lottare per qualcosa. Ho scelto questa citazione perchè è molto presente nel film. I perdenti,sostanzialmente non sono quelli che "perdono sempre",ma credo siano quelli che mollano,che ad una difficoltà lasciano perdere tutto. Un vincente è una persona testarda,sicura delle proprie possibilità. Un perdente è una persona debole,insicura.... Ma se ci riflette un attimo,molte delle nuove generazioni sono "perdenti",abbiamo ancora molto da imparare per essere dei vincenti. Questa frase ha suscitato in me una certa confusione,ma trovo sia a ciò che mira. Il film per concludere,è un vero capolavoro.

R: The giver - Lois Lowry

"Jonas:"Papà.. Mamma.." si azzardò a chiedere dopo il pasto serale "vorrei domandarvi una cosa"."Che cosa,Jonas?" chiese Papà. Jonas si costrinse a pronunciare le parole,pur sentendosi avvampare d'imbarazzo: le aveva provate e riprovate mentalmente tornando dall'Annesso. "Voi mi amate?" Seguì un momento di silenzio impacciato,poi a Papà sfuggì una risata. "Jonas.Proprio tu!Precisione di linguaggio,per piacere!" "Che vuoi dire?" chiese Jonas. Tutto si era aspettato,fuorchè una reazione divertita. "Papà vuol dire che hai usato un termine troppo generico,così privo di significato da essere caduto in disuso" gli spiegò Mamma. Jonas li fissò allibito. Privo di significato?Non aveva mai provato qualcosa che avesse più significato di quella memoria. "E naturalmente la nostra Comunità non può funzionare correttamente,se non un linguaggio preciso. Perciò puoi chiedere "provate piacere a stare con me?" e la risposta è sì" proseguì Mamma. "O" suggerì Papà ""Siete fieri dei miei risultati?"e di nuovo la risposta è sì"."Capisci perchè non è appropriato usare il termine "amore"?" chiese Mamma. Jonas annuì. "Sì,grazie,lo capisco" rispose lentamente. Quella fu la prima volta che mentì ai genitori."

Jonas tenta di farsi capire dai proprio genitori,ma fallisce. Voleva fargli capire che cos'è l'amore, le gioie, voleva che le altre persone provassero quello che provava lui. Non riesco a immaginarmi un mondo senza amore,colori,sentimenti,emozioni.... Ma forse anche senza guerra,gli umani non sono capaci di non far guerra,di non litigare. Si potrebbe pensare che il mondo in cui vive Jonas sia un mondo perfetto,ed in effetti lo è,ma è monotono, privo di alcun senso per noi, ma, per loro è un mondo senza difetti, in cui ogni persona ha una propria famiglia, anche se 'propria' non il termine adatto,un lavoro prescelto, senza preoccuparsi dei soldi, visto che il pasto alla comunità era dato da coloro che sotto controllo tutto. Per me questo libro è molto molto bello perchè che nonostante per loro sia un mondo perfetto, non lo è affatto.
Ho scelto questa frase perchè secondo me racchiude tutto ciò che ho scritto sopra,come per loro ci debba essere quella "precisione di linguaggio" e come per loro la parola "amore" abbia perso di significato.

War Horse [Videoregistrazione] - un film di Steven Spielberg

"Albert: Io della vita non so molto,però sò,che ci sono grandi giorni e giorni insignificanti,la maggior parte sono insignificanti e di cui non importa molto a nessuno,ma questo,beh questo è un gran giorno."

Il film è stupendo,ricco di significati. Tra le molti frasi che c'erano ho scelto questa,perchè è tipo la parte centrale del film,quando Albert insigna a Joey ad arare il campo,gli trasmette fiducia e protezione. E' forse una delle parti che mi è piaciuta del film,quasi quanto la fine. Ho accennato a come penso sia la parte centrale del film,perchè è quest'esperienza che salva poi la vita a Joey e al cavallo nero quando vengono catturati la prima volta. Questo è l'unico film che ho visto sulla Prima Guerra Mondiale,apparte il fatto che sia concentrato sull'amicizia tra il ragazzo ed il cavallo,questo cavallo però vive la Prima Guerra mondiale da diversi punti di vista,oltre il fatto che la vive anche come cavallo arruolato negli eserciti,lo vive anche dal punto di vista delle altre persone coinvolte che non sono soldati. L'amicizia e la fedeltà che rappresentano questo film,sono forti,sempre presenti.

La memoria dell'acqua - Mathieu Reynès, Valérie Vernay

"Durante tutti questi anni,mi ero perso e tu mi hai ritrovato,avrei voluto conoscerti di più."
(Pagina 94)

Questa frase è detta quando il vecchio che tutti temevano in città è ormai scomparso in balia delle onde. La frase è indirizzata a Marion che amava molto quell'isola in cui si era da poco trasferita. Sua madre le aveva proibito d'incontrare il vecchio,ma lei comunque voleva conoscerlo,visto che sapeva su suo nonno scomparso tempo prima. La frase è molto poetica,perchè Marion proprio prima che il vecchio scomparisse scopre che lui era sangue del suo sangue. Questa frase può essere anche usata ai giorni nostri,dalla nostra generazione più che altro,perchè durante quest'età dell'adolescenza,ci si può "perdere" facilmente,ma sono le persone che ci vogliono bene a salvarci dal buio e magari noi non ne teniamo neanche tanto conte di quei nostri "eroi".

R: Doll Bones - Holly Black

"Quando ti ho visto con quei pupazzi,ho immaginato che a scuola ti prendessero in giro. Ho pensato che dovevi essere meno debole. Ma poi ho capito che ferire qualcuno per impedirgli di essere ferito non è un gran modo di proteggerlo."
(Pagina 188-189)

Questa frase è detta dal padre del protagonista,che butta via i suoi giocattoli sperando che il figlio cresca un pò,ma sbaglia a fare ciò e se ne rende conto dopo. Mi ha colpito molto questa frase,come Zach capisce che il padre infondo è pentito di aver gettato i suoi giocattoli,di avergli imposto di crescere. Il padre pensava di fare una cosa giusta,di aiutarlo a farsi vedere meno debole,di essere più forte in un mondo così,ma lo ferisce profondamente. Questa citazione è molto profonda,ricca di verità e realtà. Si cerca sempre di sembrare meno deboli davanti agli altri,il padre di Zach voleva solo proteggerlo dalle prese in giro,ma ha sbagliato,e se n'è reso conto solo dopo con scuse che sembravano un pò forzate.

Gregor - Suzanne Collins

Ma per il terzo volume? "Gregor e la profezia del sangue" ? Ho notato che ci sono tre volumi,i primi due e l'ultimo, ma il terzo ed il quarto non ci sono.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate