Community » Forum » Recensioni

[Im]perfetti
5 1 0
Ballerini, Luigi <1963- >

[Im]perfetti

Milano : Il castoro, 2016

Abstract: Anno 72 dalla Fondazione del Sistema. L’ingegneria genetica divide la società in due rigide classi: i Perfetti, geneticamente programmati all’eccellenza, e gli imperfetti, nati da donna e destinati ai lavori più umili. È il momento che tutti attendono: sta per cominciare il GST, il grande talent show che decreterà i migliori tra i Perfetti di tutto il sistema. Tre ragazzi sono fra i concorrenti prescelti: Eira P, bellissima e spavalda, è abituata a essere la prima in tutto. Maat P, ironico e diffidente, deve dimostrarsi all’altezza delle ambizioni del padre. Adon P, calmo e determinato, non può accettare niente di meno della vittoria. Nei loro geni è scritto un destino di perfezione, eppure ciascuno di loro nasconde un segreto inconfessabile. Tre avversari possono diventare amici? Complici? Ribelli? E quanto è forte il richiamo della libertà?

1841 Visite, 1 Messaggi

"Era tutto un trucco. La sua intera vita lo era. [...] Un cumulo di menzogne, un'unica immensa menzogna che però nel tempo era diventata così gigantesca da sembrare vera. O persino da essere vera."

Adon, Matt e Eira sono tre Perfetti, figli unici selezionati geneticamente in laboratorio per garantire l'assenza di difetti. Vivono in un futuro in cui la società li distingue dagli imperfetti, i nati naturalmente, disprezzati e destinati ai lavori più umili. Conducono una vita che è una finzione perché non corrisponde alle aspirazioni personali ma ad obiettivi previsti dai propri geni. Da loro ci si apetta moltissimo e le pressioni sono forti, così che vivono in un mondo estremamente competitivo, pieno di infelicità e solitudine.
Nell'anno 72 dalla fondazione del Sistema i tre protagonisti si trovano a gareggiare nell'evento più importante: il GST, grande talent show che decreterà il migliore di tutti i Perfetti, al quale si aprirà la strada del successo. La vittoria è facilitata dall'apprezzamento dei followers, che con il loro gradimento forniscono aiuti ai concorrenti. Nessuno dei tre può fare a meno di vincere (Eira perché è la prima in tutto, Maat non vuole deludere il padre, Adon ha una missione da compiere), ma nel corso della storia ciascuno di loro acquisisce consapevolezza di sé e dei propri desideri, tanto che il GST può essere l'occasione per riprendersi in mano la propria vita.

"Che cosa ci permette di essere protagonisti della nostra esistenza [...]? Sono i geni che ci troviamo nostro malgrado nelle cellule o piuttosto l'ingegno che ci mettiamo noi?".

Un libro coinvolgente che indaga la problematica figlio ideale-figlio reale, tra ambizioni di genitori e frustrazioni di figli privati della possibilità di pensare, desiderare e scegliere il proprio futuro. Illuminante la rappresentazione della macchina del talent show, incentrata sul tema della falsificazione della realtà.

Consigliato a chi ama i romanzi distopici e le storie di ribellione, ma anche a chi cerca un buon libro che fa riflettere.
Età di lettura: dai 13 anni.

Elena, Biblioteca di Quarrata

  • «
  • 1
  • »

1497 Messaggi in 1380 Discussioni di 181 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online