Community » Forum » Recensioni

Sorelle di carta
0 1 0
Pezzetta, Cristiana

Sorelle di carta

Foggia : Mammeonline, 2014

Abstract: Ha quattordici anni Costanza e le passioni e la voglia di libertà che si hanno a quell’età. Sogna di trascorrere l’estate con la sua migliore amica, andare al mare e approfondire il rapporto che sente nasce-re con Luca. Ma anche questa volta sono i genitori a decidere per lei. Suo padre, archeologo, memore di una vecchia promessa, la porterà con sé in Siria, nonostante le notizie dei disordini che cominciano ad arrivare da quel paese. L’impatto con una realtà così diversa, e l’incontro con Aima, sua coetanea, inizialmente non mitigano la rabbia di Costanza. Sembra non possa esserci dialogo, tra loro, perché ognuna nutre dei pregiudizi nei confronti dell’altra. Ma i pregiudizi, si sa, talvolta alimentano la curiosità e allora... Età di lettura: da 9 anni.

2179 Visite, 1 Messaggi
Angela Gigni
4 posts

“… non ho mai pensato alla guerra davvero. E alla morte che ne è la conseguenza, e al modo in cui le persono muoiono. Ce ne sono tante di guerre nel mondo, inscatolate nella tv. Ma lì le immagini scorrono veloci e non fanno male. Basta cambiare canale e tutto passa in pochi secondi”.

Far conoscere la Siria, “far sapere che lì ora c’è una guerra che si abbatte vorace sulla gente normale” è il compito che si assume Costanza una volta tornata in Italia dopo un viaggio in Siria, in cui ha fatto amicizia con Aima e tutta la sua famiglia. Il periodo trascorso è stato fondamentale per rendersi conto di cosa succede nel mondo ad altri ragazzi della sua età, meno fortunati di lei. Aima e Costanza sono diventate “sorelle di carta” legate da mille fili di acciaio, tante sono le pagine scritte a mano nel lungo periodo di lontananza, durato un anno.

“Siamo così estranee, così diverse, lontane. Eppure c’è un filo che ci tesse in un’unica trama. Essere diverse non basta a non capirci, a non provare emozioni, curiosità, preoccupazioni per l’altra”.
Le foto scattate quasi in segreto sono ora in mostra a Roma perché “è importante sentire il dolore degli altri. All’inizio ti abbatte, ti fa sentire inutile, ti scuote ma poi di riempie di forza e allora anche se non sei nessuno cominci a pensare, a cosa fare, a come fare. E inizi a essere te stesso anche per un altro”.

Suggerito a chi ama leggere storie vere.
Età di lettura: 13-15 anni

Se questo libro ti è piaciuto puoi leggere anche Suonare il rock a Teheran

Angela, Biblioteca di Quarrata

  • «
  • 1
  • »

1497 Messaggi in 1380 Discussioni di 181 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online