Community » Forum » Recensioni

La libraia
5 1 0
Degl'Innocenti, Fulvia

La libraia

Cinisello Balsamo : San Paolo, 2014

Abstract: Lia è bella, vitale, ribelle, ha la testa piena di sogni. Ma ha una madre che non è mai stata in grado di occuparsi di lei. Un padre che si rifà vivo dopo anni, solo per sparire di nuovo. Una serie di fughe e affidi falliti alle spalle. Una comunità per minori in difficoltà come casa. Il futuro appare segnato, per quelli come lei. Quando, ormai sedicenne, è sorpresa dalla polizia a fare da corriere per piccole dosi di droga, per Lia si aprono le porte del carcere minorile. Le viene offerta solo un'ultima possibilità di riscatto, poi la giustizia farà il suo corso. Lia si ritrova così espulsa dalla comunità che la ospita per essere affidata a una strana donna che nella sua piccola libreria, attraverso le storie e semplici tisane, consola cuori e dona speranza a quanti si rivolgono a lei, sussurrando poche parole: "Questo libro è per te, vedrai, ti farà bene". Lia, dopo un iniziale atteggiamento di insofferenza, viene incuriosita dal via vai dei clienti e dalle loro storie. A sorprenderla è soprattutto la figura della libraia, che sembra nascondere un segreto. Chi è veramente? E come fa a cambiare la vita delle persone che entrano nella sua libreria?

2162 Visite, 1 Messaggi

“Bada Lia, che non tutto ciò che è nuovo è migliore in quanto nuovo, così come non tutto ciò che è vecchio vale di più in quanto è vecchio. Al bando i confini rigidi, le idee fisse, un libro è come un essere vivente, mutevole ed elastico, e il suo destino si determina ai crocevia delle esistenze incontrate”.
Un libro finito accidentalmente per terra e nel riordinare il negozio, la nostra Lia, lo raccoglie e legge le pagine che le si aprono davanti. Fra le righe di “le avventure di Tom Sawyer” la sua mente rievoca una fuga di sedici anni prima , quando lei aveva appena undici anni.. la fuga dalla seconda famiglia affidataria. Dopodiché il ritorno nella comunità, Stella polare, il nome della stella che fa ritrovare la strada a chi si è perduto e che è riuscita a restituire la voce e a far cantare Maria Stella, una ragazza della comunità che non proferiva parole da anni.
Lia, però, una mamma ce l’ha anche se un po’ svampita: capelli ossigenati, abiti rockettari, capace di avere altri due figli con uomini di passaggio e spendere 1000 € per il nuovo iphone da regalare a Lia ma niente per mangiare a pranzo; nonostante i suoi difetti Lia ha un affetto viscerale per sua madre. A 13 anni, poi, Lia dovette salutare la stella polare per entrare in un’altra comunità, la Contrada e appena arrivata il ritorno di suo padre che se ne era andato appena nata. Una vita complicata in partenza, senz’altro! Ma quanti impicci può creare un’adolescente carina e scatenata in cerca di un futuro migliore? Tanti, ve lo assicuro! Fino a quando i servizi sociali la conducono da quella libraia che le farà capire quanto, in realtà, sia speciale per buttare via la propria vita.
I libri, lo sappiamo, ci insegnano qualcosa, ma avreste mai immaginato che potrebbero addirittura cambiarvi la vita? Se leggerete questo bel libro capirete come e vi assicuro sarà una lettura alquanto piacevole! Se vi sarà piaciuto, consiglio anche la lettura di “una piccola libreria a Parigi” di Nina George.

  • «
  • 1
  • »

1497 Messaggi in 1380 Discussioni di 181 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.