Community » Forum » Recensioni

Il mio domani arriva di corsa
0 1 0
Facchini, Giuliana

Il mio domani arriva di corsa

San Dorligo della Valle : Edizioni EL, 2012

Abstract: Anna è come un giardino dietro un muro. Protetta, isolata, impegnata a nascondere la sua fragilità. Alla larga la madre, troppo sola come lei; alla larga gli insegnanti, che non vogliono farsi ingannare; alla larga i compagni di classe, troppo piccoli per i suoi quattordici anni in seconda media. Alla larga tutto ciò che va al di là di un corpo esibito, di una sicurezza apparente. Anna vuole farsi desiderare, da Luca soprattutto, e ci riesce. Baci, messaggi, il cuore che batte, ma guai a chiedere di più, perché non sarà certo lui a scavalcare quel muro. Ma una breccia si apre sempre, prima o poi, e la storia di Anna non fa eccezione. All'inizio è solo Sara ad avvicinarsi: così spontanea, così ingenua, così innocua, con le sue gare di atletica e i suoi sogni per il futuro. Che male può farle la sua compagnia? Poi arriva anche Nicolò, con la sua musica e quelle strane emozioni, che non dipendono da un ciuffo biondo o da un paio di jeans che scivolano sui fianchi. Forse si può anche voler bene a qualcuno, nella vita. Forse Anna non ha ancora rinunciato al suo domani.

2079 Visite, 1 Messaggi
Donata Cei
29 posts

“Fino allora le giornate mi erano sempre sembrate tutte uguali, ma quando ho cominciato a usare una di quelle agende, credo di avere iniziato a vivere con maggiore attenzione e quindi le mie giornate sono diventate più interessanti. Se le so raccontare vuol dire che le ho sapute vivere.”

Anna fa la seconda media ma ha 14 anni: non le interessa la scuola e pensa che studiare sia una perdita di tempo, così come fare amicizia con i suoi compagni di classe. La sua famiglia quasi non la considera e solo Luca, il suo ragazzo, merita la sua attenzione. All'improvviso però conosce Sara, che con la sua passione per l'atletica e il suo affetto sincero riesce piano piano a sgretolare il muro di indifferenza che Anna si è costruita intorno...

Perché leggerlo: è una storia breve ma intensa, non riusciamo a non immedesimarci con Anna e nello stesso tempo a voler entrare dentro di lei come fa Sara.

Se ti è piaciuto allora leggi anche Una sottile linea rosa, Annalisa Strada, Giunti, 2014.

Donata Cei, biblioteca San Giorgio

  • «
  • 1
  • »

1497 Messaggi in 1380 Discussioni di 181 utenti

Attualmente online: Ci sono 9 utenti online