Community » Forum » Recensioni

Quindici giorni senza testa
0 2 0
Cousins, Dave

Quindici giorni senza testa

Cinisello Balsamo : San Paolo, 2013

Abstract: Laurence ha 15 anni e una famiglia particolare: il papà è morto, la mamma ha problemi con l'alcol e il fratellino Jay ogni tanto crede di essere un cane. Di nascosto, Laurence partecipa a un quiz radiofonico; spera di vincere per regalare alla mamma un viaggio in terre lontane. Il tutto si complica quando, una notte, la mamma sparisce di casa. Per quindici giorni Laurence dovrà prendersi cura del fratellino, indagare sulla scomparsa della mamma e allontanare il rischio di essere affidati a qualcun altro. Età: da 13 anni

3684 Visite, 2 Messaggi

"Sei tu che crei la tua sorte-ecco cosa diceva Nonna. Credeva che, se ti aspetti il peggio, è proprio ciò che ottieni. Ma se conti sul fatto che accadano cose buone, esse di solito accadono. Il Potere del Pensiero Positivo, lo chiamava così. Vorrei che Nonna fosse qui, ora, lei saprebbe cosa fare."

Laurence ha 15 anni, pochi per prendersi cura di sé stesso e delle sue necessità, eppure si occupa anche del fratellino Jay, 6 anni, al posto del padre, andato via di casa e della madre che ha un serio problema di alcolismo: i soldi non bastano mai e lei diventa ogni giorno più nervosa e violenta, persa nella nube di alcol e sigarette. Laurence deve inventarsi qualcosa per rimettere in sesto la sua vita e l'occasione arriva con un quiz radiofonico: ogni sera Laurence chiama e vince, passando il turno, se riuscirà a non farsi eliminare per due settimane riceverà una vacanza per tutta la famiglia, un regalo per far tornare il sorriso e la fiducia alla madre. Una sera, però, lei non torna a casa e tutto precipita: come faranno i due fratellini a nasconderlo a tutti e soprattutto ai servizi sociali? Fra travestimenti rocamboleschi, espedienti per sopravvivere e la ricerca serrata della madre scomparsa Laurence troverà un aiuto insperato in Mina, una ragazza che lo aiuta ad occuparsi di Jay e verso la quale prova qualcosa di speciale.

Un libro per imparare ad avere fiducia nelle proprie capacità e nel futuro anche quando sembra che tutto remi contro, una vita difficile quella di questa famiglia, con mille difetti e sfortune ma, non per questo, priva di emozioni e di possibilità.

Se vuoi leggere di altri fratelli in gamba, alla ricerca di una famiglia che si prenda cura di loro, prova "Oh, boy!" di Marie-Aude Murail.

Serena Marradi, Biblioteca comunale di Lamporecchio
http://biblio.comune.pistoia.it/library/Lamporecchio/

Donata Cei
29 posts

“È così che viviamo. Abbiamo giorni buoni e giorni cattivi. Ma le distanze tra i giorni cattivi si stanno allungando – e questo è qualcosa. Un buon punto da cui partire”.

Laurence, un metro e ottanta per quindici anni di età, non sta vivendo un periodo facile: la madre, alcoolizzata, sparisce da un giorno all'altro, lasciando lui e suo fratellino Jay soli e senza un soldo. Non è certo la migliore delle situazioni, ma Laurence prova a reagire, accudendo Jay (che è convinto di essere Scooby Doo e tenta di mordere chiunque) e cercando di vincere un concorso radiofonico che mette in palio una splendida vacanza in un posto caldo: a quel punto la mamma tornerà sicuramente da loro...

Perché leggerlo: nonostante la trama 'preoccupante', la storia scorre in modo rocambolesco,e tra un colpo di scena e l'altro ci conduce verso un finale consolatorio.

Se ti è piaciuto allora leggi anche: Un ragazzo, Nick Hornby, Guanda, 1998.

Donata Cei, biblioteca San Giorgio

  • «
  • 1
  • »

1498 Messaggi in 1380 Discussioni di 181 utenti

Attualmente online: Ci sono 9 utenti online