Pescia - Archivio di Stato

Fondi

La Sezione di Archivio di Stato di Pescia, istituita come Sottosezione con d. m. 20 gennaio 1959, ha accolto inizialmente la documentazione dell'archivio storico comunale e degli antichi archivi giudiziari che avevano sede in Pescia, in precedenza conservati presso la Biblioteca civica. A questo primo nucleo si sono aggiunti gli archivi di altri enti ed uffici della Valdinievole, tra cui si ricordano
- l'archivio dell'Ospedale dei SS. Cosma e Damiano, contenente anche le carte delle corporazioni e compagnie religiose della diocesi di Pescia;
- gli archivi delle podesterie, poi preture di Buggiano e Monsummano trasferite dall'Archivio di Stato di Pistoia;
- l'archivio storico di Vellano, comune soppresso nel 1928 e aggregato a quello di Pescia;
- i registri del catasto fabbricati e del nuovo catasto terreni versati dal locale Ufficio delle imposte dirette.
Il comune di Pescia ha depositato presso questa stessa sede la parte postunitaria dell'archivio fino al 1946. Il patrimonio dell'Istituto a tutt'oggi è stimabile in circa 15.000 pezzi per un arco cronologico che va dal XIV alla metà di quest'ultimo secolo. Le lacune più importanti derivano dagli scarti effettuati nel 1827 per lo più a carico dell'archivio della cancelleria di Pescia.
Altra documentazione relativa al territorio pesciatino è rintracciabile presso gli Archivi di Stato di Pistoia, Firenze, Lucca e Pisa.

L'elenco dettagliato dei fondi conservati presso la Sezione di Archivio di Stato di Pescia, insieme ai relativi inventari, sono consultabili on-line al seguente indirizzo: http://www.archivi.beniculturali.it/SASPESCI/patrimonio.html.

Strumenti di consultazione
- Guida generale degli Archivi di Stato italiani, vol. III, Roma, 1986, pp. 787-800.