Includi: tutti i seguenti filtri
× Biblioteca Pistoia - Istituto storico della resistenza
× Nomi Arslan, Antonia
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Lingue Portoghese
× Lingue Multilingua

Trovati 3 documenti.

Risultati da altre ricerche: Biblioteche Empolese-Valdelsa Biblioteche Pisane

Il canto del pane
0 0 0
Libri Moderni

Varujan, Daniel

Il canto del pane / Daniel Varujan ; a cura e con introduzione di Antonia Arslan ; traduzione di Antonia Arslan e Chiara Haïganush Megighian

4. ed

Milano : Guerini, stampa 1997

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
La masseria delle allodole
0 0 0
Libri Moderni

Arslan, Antonia

La masseria delle allodole / Antonia Arslan

Milano : BUR, 2005

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Husher: la memoria
0 0 0
Libri Moderni

Arslan, Antonia

Husher: la memoria : voci italiane di sopravvissuti armeni / Antonia Arslan, Laura Pisanello ; con la collaborazione di Avedis Ohanian

Milano : Guerini e associati, 2001

Abstract: Questa prima raccolta a stampa di alcune testimonianze di sopravvissuti al genocidio armeno che trovarono asilo in Italia, dopo la prima guerra mondiale, deve molto al video Hushèr, realizzato da Avedis Ohanian in occasione della mostra delle fotografie di Armin T. Wegner, che dal 1995 continua a girare per l'Europa e sta per approdare negli Stati Uniti. Sono voci difformi l'una dall'altra, alcune trasmesse attraverso la pagina scritta, altre raccolte oralmente, che ci portano l'eco diretta della prima grande tragedia genocidaria del ventesimo secolo. Ma è un eco molto speciale, perché questi sono bambini che parlano: cioè adulti che danno espressione al terrore infantile che è rimasto da sempre chiuso dentro di loro. Sono racconti frammentari, a volte discontinui, bloccati da un pianto che non ha mai trovato sfogo, e riflettono orrori inimmaginabili visti dagli occhi di un bambino. Divise fra orfanotrofi miserabili e un'onnipresente penuria materiale, private quasi sempre delle famiglie, sole sotto l'angoscia di un minaccia incombente, queste esili voci aiutano a tracciare l'immagine nostalgica, la sinopia di quella tollerante, multietnica civiltà anatolica che è perduta per sempre, ma che oggi anche i giovani intellettuali di Turchia cominciano a rimpiangere.