Biblioteca comunale Carlo Magnani

Biblioteca comunale Carlo Magnani

Informazioni

 

Storia

La biblioteca trae le sue origini dai volumi confiscati alla biblioteca del Convento di Colleviti dal governo del Regno d’Italia nel 1867 e da alcuni lasciti di illustri pesciatini. Nei primi anni venti del Novecento la “Magnani” era diventata un vero centro di cultura. Nelle salette di consultazione si incontravano studiosi locali e toscani: Carlo Nardini, Guido Biagi, Giorgio Magnani, Ugo Ojetti e Lorenzo Viani. Grazie ad acquisizioni di fondi manoscritti e di collezioni private, il patrimonio della biblioteca divenne sempre più considerevole sia per il pregio sia per il numero dei volumi e dei documenti, tanto da essere conosciuta al di là dei confini della Valdinievole. Dal 1999 la biblioteca è stata trasferita nella Villa Sismondi, la residenza dell’economista ginevrino.