Acquisito tramite la donazione di Elena Ajazzi Mancini, vedova di Piero Bigongiari, il fondo conserva opere della biblioteca del poeta e critico toscano. I tre nuclei principali sono la sezione delle opere che riguardano direttamente l'opera di Bigongiari, la sezione di letteratura francese, con oltre mille volumi in lingua originale e quella di letteratura italiana. Nelle altre sezioni si raccolgono opere di altre letterature, di linguistica, di filosofia e psicanalisi, di religione, di arte, di teatro, di musica e di scienze. La maggior parte del fondo è conservata nella saletta dedicata al poeta, al primo piano della biblioteca, e, interamente catalogata, è disponibile per la consultazione mediata dagli operatori, mentre le edizioni non rare di esmplari privi di annotazioni manoscritte sono conservate in magazzino e destinate al prestito.

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Lingue Inglese
× Data 1974
Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi Bigongiari, Piero
× Nomi Ungaretti, Giuseppe

Trovati 2 documenti.

La certezza della poesia
0 0 0
Libri Moderni

Bigongiari, Piero - Ungaretti, Giuseppe

La certezza della poesia : lettere (1942-1970) / Piero Bigongiari, Giuseppe Ungaretti ; a cura di Teresa Spignoli

Firenze : Polistampa, c2008

Abstract: L'arco cronologico (1942-1970) coperto dallo scambio epistolare tra Bigongiari e Ungaretti coincide con un lasso di anni centrali per la storia della letteratura italiana, dei quali condensa i principali temi e dibattiti, osservati dal punto di vista di due protagonisti di quella stagione culturale. Nel succedersi delle lettere la storia privata e la storia pubblica si sovrappongono continuamente l'una all'altra, dando luogo a una fitta trama di relazioni, tra considerazioni attinenti alla contemporaneità sia storica che letteraria e il fare artistico, così come si connota nel laboratorio privato di entrambi gli scrittori. Il carteggio consente di tracciare il ritratto di un'epoca, ricostruendone dall'interno le linee di tensione e sviluppo, ma si colloca anche in una zona molto prossima all'elaborazione artistica propriamente detta, sia per l'intrinseco valore letterario che per la capacità di farsi veicolo e, talvolta, vera e propria sede elaborativa di testi critici e poetici, come accade nel saggio ungarettiano Leopardi segreto, o nelle diverse stesure delle poesie Ninnananna e Cantetto senza parole, pubblicati nel volume.

Oscillavano nella luce del rogo gli ultimi spazi dell’amore (con due lettere inedite [di Giuseppe Ungaretti])
0 0 0
Libri Moderni

Bigongiari, Piero

Oscillavano nella luce del rogo gli ultimi spazi dell’amore (con due lettere inedite [di Giuseppe Ungaretti]) / Piero Bigongiari

Roma : Lucarini, 1987

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0