Marco Mungai studiava Economia e commercio all'Università di Firenze, dopo essersi diplomato al Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia. Era un assiduo frequentatore della Biblioteca San Giorgio. Nella notte tra sabato 10 maggio e domenica 11 maggio del 2014 Marco è morto in un terribile incidente stradale in Viale Adua a Pistoia all'età di 22 anni. In sua memoria, i familiari e gli amici hanno deciso di raccogliere i libri degli autori che Marco amava e studiava e di donarli alla Biblioteca San Giorgio, dove sono disseminati tra le diverse sezioni, come la sua curiosità amava divagare tra diversi argomenti, ma sono riconoscibili dal timbro impresso sul frontespizio e riuniti in uno scaffale virtuale, che col tempo sarà ampliato, riconoscibile sul catalogo della Biblioteca come Fondo Marco Mungai. Coordinatore della raccolta del Fond il professor Francesco Gaiffi. In ricordo di Marco, è stato piantato un albero di ciliegio offerto dalla ditta Luigi Mati nel giardino della biblioteca.

 

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Bene, Carmelo
× Nomi Accame, Giano
× Nomi Alvi, Geminello
Includi: tutti i seguenti filtri
× Risorse Catalogo
× Nomi De Turris, Gianfranco

Trovati 2 documenti.

Ezra Pound e l'occulto
0 0 0
Libri Moderni

Tryphonopoulos, Demetres

Ezra Pound e l'occulto : le radici esoteriche dei Cantos / Demetres P. Tryphonopoulos ; traduzione dall'inglese di Caterina Ranchetti ; introduzione di Luca Gallesi ; a cura di Gianfranco de Turris

Roma : Edizioni mediterranee, \1998!

Abstract: L'influsso delle scuole esoteriche e delle dottrine occulte in molti importanti poeti e scrittori del Novecento è noto. Basandosi su fonti d'archivio inedite e sull'approfondimento di materiale già conosciuto, questo libro indaga i legami che unirono Pound con famosi occultisti dell'inizio del secolo.

Hegel e la tradizione ermetica
0 0 0
Libri Moderni

Magee, Glenn Alexander

Hegel e la tradizione ermetica : le radici "occulte" dell'idealismo contemporaneo / Glenn Alexander Magee ; introduzione di Massimo Donà ; postfazione di Giandomenico Casalino ; traduzione dall'inglese di Milvia Faccia ; edizione italiana a cura di Gianfranco de Turris e Sebastiano Fusco

Roma : Edizioni Mediterranee, 2013

Abstract: Il lungo dibattito sull'origine e la portata dell'idealismo assoluto di Hegel - ovvero se vi sia in esso una dimensione trascendente o invece non si riduca tutto a una riflessione sull'Io, interamente umana - viene risolto dall'autore di questo libro attraverso un'indagine che nessuno aveva tentato prima di lui. Glenn Alexander Magee è andato riscontrando nell'opera del grande filosofo tedesco tutti i riferimenti al pensiero magico e occulto, in particolare la tradizione che fa capo alla figura di Ermete Trismegisto. Ciò che ne emerge, è un quadro che fa ripensare tutta la nascita e l'evoluzione dell'idealismo, costringendo a rivedere gli schemi consolidati dell'interpretazione del pensiero di Hegel. L'autore della Fenomenologia dello spirito, si scopre, ebbe come fonte d'ispirazione diretta autori come Paracelso, Jakob Böhme, Franz von Baader e altri maestri del misticismo trascendente. Ne escono del tutto sconfitte le tesi della cosiddetta sinistra hegeliana, secondo cui il filosofo si rifece principalmente a concezioni illuministe settecentesche, precorritrici del successivo ultrarazionalismo e materialismo. Introduzione di Massimo Donà, postfazione di Giandomenico Casalino.