Il fondo Giorgio Luti, pervenuto in dono alla Biblioteca San Giorgio per espressa volontà del professore e critico letterario fiorentino, si compone di volumi appartenuti alla biblioteca personale dello studioso. I nuclei principali della collezione sono tutti legati ai temi e agli autori a cui Luti ha dedicato la sua vasta riflessione critica; il fondo si compone infatti principalmente di opere di letteratura e critica letteraria italiana, soprattutto del Novecento, mentre la letteratura straniera ha uno spazio più contenuto, pur con interessanti aperture, in particolare verso la letteratura francese. In quantità assai più modeste emergono altri ambiti disciplinari: filosofia, storia, arte e letterature classiche.

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 1993
Includi: tutti i seguenti filtri
× Livello Monografie
× Data 1990
× Nomi Alfieri, Vittorio <1749-1803>

Trovati 3 documenti.

Filippo
0 0 0
Libri Moderni

Alfieri, Vittorio <1749-1803>

Filippo / Vittorio Alfieri ; introduzione e note di Bruno Maier

Milano : Garzanti, 1990

Abstract: Filippo II di Spagna ha intuito che il figlio don Carlos ama Isabella, sua moglie. Nonostante Isabella abbia già imposto a don Carlos di allontanarsi dalla corte, Filippo decide di scatenare il suo odio contro il figlio. Dopo aver fatto uccidere l'amico di Carlos, Perez, costringe il figlio e Isabella a uccidersi sotto i suoi occhi.

Commedie. 2, I troppi, L'antidoto
0 0 0
Libri Moderni

Alfieri, Vittorio <1749-1803>

Commedie. 2, I troppi, L'antidoto / Vittorio Alfieri ; a cura di Simona Costa

Ed. integrale commentata

Milano : Mursia, stampa 1990

Mirra
0 0 0
Libri Moderni

Alfieri, Vittorio <1749-1803>

Mirra / Vittorio Alfieri ; introduzione e note di Bruno Maier

Milano : Garzanti, 1990

Abstract: Mirra prova una passione indomabile per il padre Ciniro, re di Cipro. Si dichiara però decisa a sposare Pereo. Durante i preparativi della cerimonia nuziale, sviene e fa sì che Pereo capisca di esserle odioso, tanto che il giovane si uccide. Ciniro chiede spiegazioni alla figlia che, pressata dalle domande del padre, confessa la sua colpevole passione e si uccide con la spada del padre.