Nei giorni del Conclave, per approfondire una storia millenaria

E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2011
× Lingue Italiano
× Nomi Mazzetti, Loris
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Gallo, Andrea <1928-2013> - Interviste

Trovati 1 documenti.

Mostra parametri
Il vangelo di un utopista
0 0 0
Libri Moderni

Gallo, Andrea <1928-2013>

Il vangelo di un utopista / Andrea Gallo

Reggio Emilia ; Roma : Aliberti, 2011

Abstract: Il Vangelo è vita, è liberazione, è il gusto e il rischio della vita. Partendo dal concetto di utopia di Eduardo Galeano, don Andrea Gallo ci spiega: Quando sei convinto che a trecento metri ci sia quello che vuoi raggiungere, li percorri e ti rendi conto che l'utopia è trecento metri più in là. Per questo ti dici: Allora è veramente irrealizzabile. Invece no, perché c'è un aspetto positivo, che si sta camminando, e l'utopia si realizza strada facendo. Nel portare da oltre cinquant'anni il messaggio di Gesù, sempre sulla strada, sul marciapiede, sempre in mezzo agli ultimi, don Gallo ha messo insieme i suoi sei personalissimi Vangeli. Il primo è il messaggio che tutti, credenti e non credenti, possono cercare la verità costruendo un'unica grande famiglia umana. Il secondo è la Pace, la giustizia verso i più poveri, i senza dignità, non come frutto della carità-elemosina, ma del riscatto storico e della giustizia. Il terzo è appunto l'utopia, perché Gesù è nell'orizzonte della speranza del regno. Il quarto è la sobrietà, primo passo verso la solidarietà; il quinto, la Costituzione della Repubblica italiana, che è democratica, laica, antifascista, e non è un optional, l'antifascismo, per nessun cittadino. L'ultimo è il vangelo lasciatoci da Fabrizio De André ed Ernesto Balducci, i quali ci dicono che l'unica strada possibile è incarnarsi nella vita dei poveri e degli esclusi, non per essere travolti e abbassati, ma per vivere insieme a loro. Prefazione di Loris Mazzetti.