Community » Forum » Recensioni

Ologramma per il re
3 1 0
Eggers, Dave

Ologramma per il re

Milano : Oscar Mondadori, 2014

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: C'è un uomo, Alan Clay. È americano, divorziato, ha una figlia da mantenere, un'ex moglie che vive in California, che non intende contribuire in alcun modo alle spese e non fa che ripetergli di comportarsi da uomo. Ma che uomo è Alan Clay? Ha cinquantaquattro anni ed è senza lavoro. Per l'America aziendale è un soggetto inutilizzabile, bizzarro quanto un aeroplano fatto con il fango. La crisi dei mercati e della sua vita privata l'ha lasciato stremato, tendenzialmente ubriaco, con un conto cronicamente in rosso, ma ora non ha scelta: se vuole pagare le tasse del college di sua figlia, deve trovarsi presto un lavoro, e ben pagato. La sua unica chance si chiama re Abdullah, il miliardario sovrano dell'Economic City, un'immensa oasi in mezzo al nulla destinata a diventare la città del futuro. Il compito di Alan è difficilissimo. Deve convincere re Abdullah ad acquistare la sua mirabolante invenzione. Un ologramma in grado di far apparire chiunque in 3D, direttamente nella tenda del sovrano. Ma cosa succede se il re tarda ad arrivare? Se i funzionari rimbalzano Alan da un ufficio all'altro? L'esilio rischia di diventare interminabile.

57 Visite, 1 Messaggi
Lorenzo Sali
34 posts

Dave Eggers mi piace, ma questo suo lavoro non mi ha conquistato. Il libro non è da buttare, anzi il personaggio di Alan e il contesto in cui si trova forniscono diversi spunti di riflessione, ma da un racconto io mi aspetto anche una trama e un finale che gli dia un senso, cose che in questo "ologramma per il re" non ho trovato.

  • «
  • 1
  • »

726 Messaggi in 672 Discussioni di 138 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.