Community » Forum » Recensioni

La compagnia dei soli
0 2 0
Rinaldi, Patrizia - Rinaldi, Patrizia - Paci, Marco <1975- > - Paci, Marco <1975- >

La compagnia dei soli

Roma : Sinnos, 2016

Abstract: Sotto il vulcano, tra cunicoli e abissi senza nome, si nasconde una città sepolta. E nella città si nasconde un gruppo di ragazzi, scampati a chissà quali disastri, capitanati da un nano acrobata e da una ragazza fortissima e selvaggia. Sono soli ma insieme formano uno strano esercito di irregolari, combattivi e coraggiosi. E poi c'è il figlio del più perfido dei comandanti, che la sfortuna ha voluto molto diverso da suo padre. Le strade della ribellione però seguono percorsi imprevedibili. Età di lettura: da 10 anni.

394 Visite, 2 Messaggi

“Può esserci altra vita, non so quale, ma può ancora esserci. Forse ho le branchie. Forse gli scampati alla morte imparano a respirare anche l’acqua”

In una città disastrata dalla guerra e in pericolo dall’imminente eruzione del vulcano, Izio lo sgorbio, un uomo nano, riesce a fuggire dalla sua condanna, grazie a Pier Remigio figlio del tenente, il quale ha deciso di liberarlo piuttosto che ucciderlo. Durante la sua fuga, non può fare a meno di liberare anche cinque ragazzi che incontra sulla sua strada, Mafalda, Francesco e i tre gemelli muti. Inizia così la loro nuova avventura. Trovano rifugio in una città sotterranea, dove incontrano Sara, una ragazza forte e abile, anche lei fuggita dall’uomo che la teneva prigioniera e maltrattava. Decidono così di formare una squadra per sopravvivere, e dopo essere riusciti a salvarsi da branchi di topi assassini, dopo essere riusciti a procurarsi il cibo e l’acqua, riescono a salvare pure Pier Remigio, il quale era stato ormai condannato a morte dal suo stesso padre. Dandogli così una nuova speranza di vita.

Questo libro ci mostra come sia importante, in un mondo malvagio, avere coraggio, non arrendersi mai e soprattutto collaborare. Rappresenta molto bene il senso di solitudine e di soffocamento che opprime questi ragazzi dove l’unica speranza per sopperire a tutto ciò è la fuga. Tutto questo viene raffigurato molto bene dalle illustrazioni e in particolare dai colori usati per raccontare ogni storia. Per la storia di Sara vengono usati colori caldi, per la storia di Izio viene usato il colore della speranza, mentre per quella di Pier Remigio il colore della lealtà.

Un libro che consigliamo agli amanti delle graphic novel e ai lettori delle storie di sopravvivenza in futuri mondi indesiderabili come le serie "Hunger games" di Suzanne Collins e "Divergent" di Veronica Roth.

Federica Giampieri,
Biblioteca comunale "Don Siro Butelli" di Lamporecchio

“- Ma tu non sei un cavaliere e io non sono una dama.
- E cosa siamo allora?
- Siamo solo ragazzi. Siamo ragazzi soli.”

Sara è una ribelle, decisa a fuggire dalla condizione di prigionia in cui si trova; Pier Remigio è altruista fino alla morte, Izio è un nano dal corpo deforme. Tre personaggi diversi l'uno dagli altri, ma tutti ugualmente in fuga, si ritroveranno sottoterra, in cerca di libertà. Dovranno, però, innanzitutto salvarsi dalle minacce del mondo sotterraneo e ingegnarsi per sopravvivere.

Premio Andersen 2017 come miglior libro a fumetti, con questa motivazione:
«Per una storia di solitudini, destini e soprattutto libertà, dove spazio e tempo si piegano di fronte all’intensità di testo e immagini. Per le illustrazioni visionarie, capaci di restituire al lettore le atmosfere claustrofobiche tanto del vulcano quanto della contingenza bellica. Per la perfetta fusione dei linguaggi e per l’equilibrio tra reale e immaginifico, che qui trovano giusta sintesi nella forma del fumetto».

  • «
  • 1
  • »

888 Messaggi in 817 Discussioni di 154 utenti

Attualmente online: Ci sono 2 utenti online