Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Coco - Disney

Molto carino
Più un film e secondo me come racconto non è proprio adatto si bimbi.
Sono simpatici alcuni personaggi tra cui il cane e il vero patente di Coco

Il tribunale delle anime - romanzo di Donato Carrisi

Tempo di lettura: 10 ore
Dopo aver letto il secondo episodio della trilogia incentrata sulla figura del penitenziere Marcus, ho voluto leggere anche il primo capitolo. Marcus è un personaggio affascinante, uno dei più riusciti in assoluto nei romanzi di Carrisi. In questo romanzo, oltre a farci conoscere scorci e chiese di Roma splendidi tramite le sue investigazioni con il suo personalissimo metodo d’indagine, Carrisi ci spiega da dove viene questo personaggio misterioso e perché ha perso la memoria. E come inizia ad intrecciarsi la sua storia con quella della fotorilevatrice Vega.
“Qual è il più vasto archivio criminale al mondo? … Si trova in Italia. Più precisamente a Roma, in Vaticano.”
“Il cattolicesimo è l’unica fede religiosa che preveda il sacramento della confessione: gli uomini raccontano i propri peccati a un ministro di Dio per riceverne in cambio il perdono. A volte però, la colpa è talmente grave che un semplice sacerdote non può impartire l’assoluzione.” … In questi casi il sacerdote trascrive il testo della confessione e lo trasmette ad un’autorità superiore: … il Tribunale delle anime”

"C’è un luogo in cui il mondo della luce incontra quello delle tenebre. E’ lì che avviene ogni cosa: nella terra delle ombre, dove tutto è rarefatto, confuso, incerto. Noi siamo i guardiani posti a difesa di quel confine. Ma ogni tanto qualcosa riesce a passare … Io devo ricacciarlo indietro."

Ohio - Stephen Markley

Purtroppo non sono riuscita ad andare oltre le prime 20 pagine. Si tratta semplicemente di puro gusto personale, non sono stata catturata dallo stile "arrabbiato" e forse troppo crudo (per me) del libro, che al contrario mi ha allontanata.

Canone inverso - Paolo Maurensig

Tempo di lettura: 5 ore
L’acquisto di un prezioso violino del ‘600 è il punto di partenza di una storia, o meglio dire di un’appassionante avventura, dove la protagonista è la musica.
“La musica è la mia consolazione. Quest’arte, nella sua essenza sfuggente, nella continua vanificazione di sé stessa, assomiglia all’idea che mi sono fatto della vita”
“Per eseguire quel pezzo ci vuole una grande tecnica. E la tecnica a volte è la contraffazione del talento. Oh la differenza è minima, impercettibile per chi suona. Con questo non voglio dire che il talento debba esimersi dallo sforzo. Sarebbe impossibile. Per raggiungere la perfezione sono necessari tecnica, esercizio e dedizione”
“Ma che cos’è la perfezione? E’ il punto di fuga di una strada senza fine, è il miraggio che si sposta davanti a noi, è l’ultimo piolo di una scala circolare”
Grazie alla trovata di moltiplicare gli 'Io narranti', Maurensig cattura l’attenzione del lettore fino al finale per certi versi sorprendente, anche se forse non approfondito come avrebbe meritato.

Le figlie della Cornovaglia - Fern Britton

Non mi sono annoiata nel leggerlo anzi.
Suddivide i periodi e le varie donne che ci hanno vissuto.
Clara si è dimostrata una grande egoista,solo alla fine si pente e solo le persone sensibili accettano i pentimenti.Alla fine non è altro che la sua storia vista da tutti i punti di vista,il suo,della figlia e della nipote.

L'eco lontana delle onde del nord - Corina Bomann

Questa scrittice non mi delude mai.
La storia è carina,luoghi splendidamente descritti.
La sua ricerca del passato è affascinante, dolcemente triste.
Il periodo storico è fondamentale,la divisione di Berlino e ciò che succedeva dall'altra parte del muro.

Fango - Niccolò Ammaniti

Tempo di lettura: 7 ore
Ammaniti si cimenta nelle short stories, e lo fa alla sua maniera, creando la solita galleria di personaggi improbabili, ma al tempo stesso realistici, anche se al limite del grottesco. Come sempre, i vizi e le manie della società italiana vengono rappresentati ed amplificati in queste storie, alcune decisamente più riuscite come la principale "L'ultimo capodanno dell'umanità" e "Fango", altre invece meno interessanti. Il libro è comunque gradevole nel complesso, e la vena comica, che pervade ogni racconto, nasconde sempre un risvolto tragico, che ci fa riflettere

Il libro dei nomi perduti - Kristin Harmel

Una storia triste e nello stesso tempo ti lascia la sensazione che esiste un sentimento puro. Le origini non vogliono dire nulla se non c'è lealtà. Le differenze religiose sono solo mentali.
Una lettura commuovente