Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

ˆL'‰ipotesi del male - di Donato Carrisi

Mila Vasquez torna ad indagare su efferati delitti, ma soprattutto sui confini della psiche umana. Fino a dove una persona può spingersi prima di precipitare nell’abisso delle sue paure? "La lunga notte è iniziata. L'armata delle ombre è già in città. Preparano la sua venuta, perché presto lui sarà qui. Il Mago, L'Incantatore di anime, il Signore della Buonanotte: sono più di mille i nomi di Kairus". "Ogni sbirro è costretto a fare i conti col proprio mestiere e con le brutture che comporta. Ma noi del Limbo non diamo la caccia a ladri o assassini, il nostro nemico è il vuoto ed è fatto di aria e di ombra. Più lo guardi e più ti sembra vero. Ingoia le persone e non le restituisce più - o perlomeno non più come prima". "Il bene e il male a volte sono il risultato di una convenzione ma, soprattutto, non esistono in forma assoluta. L'Ipotesi del Male recita: "Il Bene di alcuni coincide sempre con il male di altri, ma è valido anche il contrario". Donato Carrisi non delude con il libro gemello del Suggeritore

Re: Il guardiano invisibile - Dolores Redondo

ciao! sono d'accordo con te per quanto riguarda la trama e i personaggi (in particolare, ho trovato insopportabile il personaggio del marito della protagonista), ma la parte folkloristica secondo me è riuscita a "salvare" il libro..aspetto di leggere il secondo e terzo libro per esprimere un giudizio completo.

Il suggeritore - di D. Carrisi

Che personaggio, Mila Vazquez! Un detective non convenzionale, che prima dei criminali, deve quotidianamente affrontare i propri fantasmi. Qui si unisce alla Squadra Speciale capitanata dal dottor Gavila per ricercare un serial killer. Ma il viaggio verso la ricerca della verità e del colpevole nasconde sorprese: un libro che si legge tutto d’un fiato con continui colpi di scena.
Grande esordio di Donato Carrisi, ho già iniziato il seguito, o meglio, il libro gemello.

La ballata di Jordan e Lucie - Christophe Léon

LA BALLATA DI JORDAN E LUCIE
“Quando vuoi bene a qualcuno, tu lo metti nel microonde, è così?” “Sì”. “Ti è già capitato?” “Sì”. “Bene… sei proprio suonato, Jordan. Dai, adesso accompagnami a casa. Per una volta non mi seguirai di nascosto, farai un’esperienza nuova”. “Sì”. “E smettila di dire sempre sì!” “Sì”.

Jordan, un ragazzo di prima media con dei ritardi mentali, viene inserito in un programma scolastico di integrazione dove viene affidato a Lucie, una ragazza di terza media. Entrambi con una situazione familiare non troppo felice. I due inizialmente non instaurano un buon rapporto, e lei molto spesso pensa di lasciare il programma, senza mai riuscirci davvero. Lui viene deriso e umiliato dagli altri ragazzi. E forse è proprio questo che spinge Lucie, ad un certo punto, a cambiare il modo di vederlo, e decide di provare a conoscerlo meglio. È da qui che nascerà una strana amicizia, che forse nasconde un amore, o un legame affettivo molto forte, comunque sia, qualcosa di cui entrambi avevano bisogno.

Questo libro ci aiuta a capire come troppo spesso tendiamo ad avere dei pregiudizi verso gli altri e a emarginare persone non “normali” senza dei reali motivi, solo per mancanza di conoscenza o di interesse. Ed è quindi un buono spunto per riflettere su questo tema e per cercare di aprire la nostra mente, per non rimanere limitati da certi preconcetti sbagliati.

Christophe Leon propone sempre temi difficili che fanno riflettere come negli altri suoi libri "Granpà" e "Reato di fuga"

Recensione a cura di Federica Giampieri,
Biblioteca comunale "Don Siro Butelli" Lamporecchio

La compagnia dei soli - Patrizia Rinaldi e Marco Paci

“Può esserci altra vita, non so quale, ma può ancora esserci. Forse ho le branchie. Forse gli scampati alla morte imparano a respirare anche l’acqua”

In una città disastrata dalla guerra e in pericolo dall’imminente eruzione del vulcano, Izio lo sgorbio, un uomo nano, riesce a fuggire dalla sua condanna, grazie a Pier Remigio figlio del tenente, il quale ha deciso di liberarlo piuttosto che ucciderlo. Durante la sua fuga, non può fare a meno di liberare anche cinque ragazzi che incontra sulla sua strada, Mafalda, Francesco e i tre gemelli muti. Inizia così la loro nuova avventura. Trovano rifugio in una città sotterranea, dove incontrano Sara, una ragazza forte e abile, anche lei fuggita dall’uomo che la teneva prigioniera e maltrattava. Decidono così di formare una squadra per sopravvivere, e dopo essere riusciti a salvarsi da branchi di topi assassini, dopo essere riusciti a procurarsi il cibo e l’acqua, riescono a salvare pure Pier Remigio, il quale era stato ormai condannato a morte dal suo stesso padre. Dandogli così una nuova speranza di vita.

Questo libro ci mostra come sia importante, in un mondo malvagio, avere coraggio, non arrendersi mai e soprattutto collaborare. Rappresenta molto bene il senso di solitudine e di soffocamento che opprime questi ragazzi dove l’unica speranza per sopperire a tutto ciò è la fuga. Tutto questo viene raffigurato molto bene dalle illustrazioni e in particolare dai colori usati per raccontare ogni storia. Per la storia di Sara vengono usati colori caldi, per la storia di Izio viene usato il colore della speranza, mentre per quella di Pier Remigio il colore della lealtà.

Un libro che consigliamo agli amanti delle graphic novel e ai lettori delle storie di sopravvivenza in futuri mondi indesiderabili come le serie "Hunger games" di Suzanne Collins e "Divergent" di Veronica Roth.

Federica Giampieri,
Biblioteca comunale "Don Siro Butelli" di Lamporecchio

Olive Kitteridge - Elizabeth Strout

Olive è la protagonista (in certi capitoli) e al contempo una comparsa (in altri), fa da filo conduttore che collega persone e situazioni. È tutto fuorché la classica eroina e forse proprio per questo se ne percepisce ancora di più l'umanità. E anche perché la Strout descrive i suoi personaggi molto bene. E si legge bene, anche.

Pausa pranzo perfetta - Samantha Biale

A chi non è capitato di consumare un pasto fuori casa? Se anche voi siete dei nostri, questo libro fornisce degli utili consigli su come organizzare al meglio il pranzo di lavoro, sia valutando quali sono gli abbinamenti più equilibrati in in sostanze nutritive consumandolo al bar, sia se preferite portarvelo da casa con il lunch box.
Tanti consigli e ricette, ma ci sono delle regole? L’autrice ne suggerisce alcune. Fra le altre, scegliere un piatto unico equilibrato, non aggiungere calorie inutili, evitare di mangiare tutto scondito e soprattutto mangiare con calma.
E l’idea della giusta porzione ad occhio è geniale!
Un libro leggero e nutriente come le ricette suggerite, per la mente s’intende, perfetto da leggere sotto l’ombrellone

Caos calmo - Sandro Veronesi

Un evento tragico, accaduto contestualmente ad un’esperienza di vita unica, cambia la vita di un uomo affermato, che si fa risucchiare nel caos della restituzione dei bambini all’uscita della scuola. “Però un caos gioioso, privo di drammaticità, perché i bambini, anche se non sono ancora usciti, hanno già cominciato a spargere qua fuori la sostanza che permette loro di sopravvivere tra gli adulti, quella specie di antistaminico naturale che rilassa un po’ i genitori e li fa regredire, e li rende non solo compatibili ma talvolta addirittura complici del caos del quale loro, i bambini, si sentono parte … il caos semplice e fondamentalmente calmo nel quale vivrebbero tutto il tempo, se gli fosse permesso, senza comprendere fino in fondo la maggior parte delle cose che accadono ma, proprio per questo, con la capacità di viverle molto intensamente”. Quella scuola diventa l’ombelico del mondo, dove una galleria di personaggi di varia umanità si reca per parlare col protagonista, oserei dire confessarsi, esternandogli catarticamente la propria sofferenza. Sembra tutto parossistico, ma invece la trama scorre fluida fino al meraviglioso finale, sorprendentemente lineare. Non a caso Premio Strega 2006 e da cui è stato tratto un film di successo

Giulia 1300 e altri miracoli - Fabio Bartolomei

Questo libro per me è stato una piacevolissima sorpresa. Ben scritto, trama originale, personaggi che meritano di essere ricordati (a partire da quelli "di contorno"), dopo un inizio un po' fiacco mi ha pian piano conquistato. Durante la lettura ho riso, sorriso, mi sono rattristato e ho trovato anche qualche interessante spunto di riflessione. Niente lieto fine... o forse sì ;-)

Il guardiano invisibile - Dolores Redondo

La storia lascia un po' a desiderare, complici alcune incongruenze e un finale poco credibile. Il tocco "folkloristico" (seppure di un certo interesse) mi è sembrato un aggiunta alla storia di cui si poteva tranquillamente fare a meno. I personaggi non hanno caratteri precisi, anzi sono talvolta contraddittori. In compenso la lettura è scorrevole.

Fato e furia - Lauren Groff

Da una parte il libro è affascinante, dall'altra ho durato fatica a leggerlo. Per me è stata affascinante Mathilde (la sua storia, il modo in cui la affronta, il modo in cui "gestisce" il matrimonio), un po' meno Lotto, molto meno gli altri personaggi, spesso semplici comparse. Tutto sommato è una storia semplice, scritta con uno stile abbastanza scorrevole, anche se a tratti ripetitivo. Credo che la fatica derivi dal "disordine" dovuto ai salti temporali e ai punti di vista diversi che aggiungono particolari agli eventi a distanza di pagine. Raggiunge le tre stelle stiracchiate.

Come cerchi nell'acqua - William McIlvanney

Laidlaw è un detective non convenzionale, che segue più l'istinto della logica investigativa, talvolta un po' criptico, ma tendenzialmente leggo volentieri le sue avventure. Inoltre McIlvanney crea personaggi interessanti e in questo caso la storia non è male.

Pratolino - Luigi Zangheri

Ho letto il volume indicato in inventario con il codice MS-19489. Dal titolo si parla di "documenti e tavole" ma il libro è totalmente privo di disegni e/o foto; sotto il titolo però c'è la dicitura "1:Testi e Documenti" che farebbe supporre l'esistenza di un libro "2" nel quale magari possono trovarsi le "numerose riproduzioni di tavole e disegni" di cui si fa menzione nella seconda di copertina e che nel volume da me letto non esistono.

Amore - Leo Buscaglia

Cari amici lettori, curiosando fra i libri offerti dall'Associazione Amici della San Giorgio, di cui faccio parte, ho trovato questo libro. Ho iniziato a leggerlo e ...
Ma che roba è? Impossibile finirlo, ho provato ad andare avanti ma è monocorde.
Per descriverlo mi sono venuti in mente quei telepredicatori americani che si trovano talvolta nei canali televisivi più sconosciuti, e provano ad imbonire il pubblico con le stesse argomentazioni, una sfilza di luoghi comuni. State tranquilli, così come faccio con gli altri, anche questo lo rimetterò nel cestino a disposizione di tutti. Chissà, forse qualcun altro lo troverà interessante