Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

No surrender - Carl Hiaasen

“Il periodo più lungo che aveva passato fuori casa era stato due notti, e non c’era di mezzo nessun ragazzo: aveva fatto tutto da sola. Ogni volta che succedeva, zia Sandy la portava dallo psicologo, di cui ovviamente Malley amava prendersi gioco raccontando le storie più assurde. Una volta aveva riferito che in una vita era stata Cleopatra, la regina del Nilo.”
Richard e Malley sono cugini cresciuti insieme sono ormai migliori amici, Malley è una ragazza molto vivace e i suoi problemi li affronta facendo la ribelle e scappando spesso fuori di casa. Ormai suo cugino sa come comportarsi di fronte ai suoi melodrammi. Ma stavolta succede qualcosa che non era mai successo, Malley conosce un ragazzo in una chat room e da questo incontro nasce l’idea della fuga della quale decide di non parlarne con nessuno. Il problema nasce quando Richard scopre che il ragazzo della chat non è proprio chi dice di essere e che c’è qualcosa che non va in questa fuga, non è come le altre volte. Dopo aver chiesto aiuto alla polizia e ai genitori Richard si rende conto che c’è bisogno di fare molto più che aspettare a casa, e da qualche indizio dato dalla cugina riesce a mettersi sulle sue tracce, grazie anche all’aiuto di un ex governatore in fuga anche lui, conosciuto una sera sulla spiaggia, nonostante le bizzarri abitudini del nuovo compagno di avventure, riuscirà a condurlo dritto da Malley, ma non sarà semplice tornare a casa sani e salvi.
La trama di questo romanzo non è per niente scontata quindi riesce a tenere il lettore su una certa attenzione, nonostante ciò riesce a essere anche divertente senza tralasciare il messaggio che ci manda l’autore del libro che non sappiamo mai veramente chi si cela dietro a un computer.

Il generale Della Rovere - Indro Montanelli

Grazie al Prof. Andrea Torracchi, che l’ha consigliato ai suoi alunni fra cui mia figlia, ho potuto scoprire questo libro “minore” di quel raffinato ma al tempo stesso colloquiale autore che è Indro Montanelli, uno degli scrittori e giornalisti più noti del 1900, noto principalmente per i suoi magistrali libri di storia, in particolare d’Italia.
Come ben scrive Geno Pampaloni nella nota introduttiva, “Riesce, anche da narratore, a conservare la caratteristica fondamentale del giornalista, che è di porsi come mediatore tra realtà e lettore.”
“Vedete come qui le figure e gli episodi si susseguono con naturalezza, come facciano posto senza sforzo alcuno, e senza perdere nulla di evidenza e di immediatezza, alla riflessione, al commento, alla battuta pungente, allo sberleffo di buon umore.”
“La situazione che viene descritta in questo libro è una situazione pirandelliana: di generali Della Rovere ce n’è “uno e due”; lo stato civile artificiale attribuito al protagonista opera sulla sua personalità e la trasforma; la commedia diventa vita.”
“Il tema di fondo, infatti, del Generale Della Rovere, che nella sua forma assomiglia a un grottesco politico, ai limiti della farsa o della pochade, ed è stato scambiato per una parodia, dissacratrice e inelegante (da un punto di vista morale) della Resistenza, è il rapporto tra il Vero e il Falso.”
“Noi siamo tutti in vita provvisoria, vero? seguitò il generale … “Un ufficiale è sempre in vita provvisoria, è un novio de la muerte, un fidanzato della morte, come dicono gli spagnoli”

Angeli e demoni - Dan Brown

Dopo aver letto il Codice Da Vinci, è un must leggere anche il suo libro gemello, come direbbe Donato Carrisi, ovvero Angeli e Demoni. Qui si racconta la millenaria contrapposizione fra Scienza e Fede, sempre con il Professor Langdon come protagonista.
“Qui al CERN cerchiamo di dare una risposta alle domande che l’uomo si pone sin dalla notte dei tempi. Da dove veniamo? Di cosa siamo fatti?”
“Ed è in un laboratorio di fisica che si trovano queste risposte?”
“Le sembra strano?”
“Sì. Mi sembrano domande di ordine spirituale. “
“Professor Langdon, in origine le domande erano tutte di ordine spirituale. Il ruolo della religione è da sempre quello di colmare le lacune che la scienza non riesce a spiegare. Il potere di far sorgere e tramontare il sole era attribuito a Elio e al suo carro fiammeggiante, i terremoti e i maremoti corrispondevano all’ira di Poseidone. La scienza moderna ha dimostrato che quegli dèi erano falsi idoli. Presto tutte le divinità saranno considerate false: la scienza ha fornito una risposta a quasi tutte le domande dell’uomo. Sono pochi gli interrogativi ancora irrisolti, e sono quelli a cui è più difficile trovare una risposta. Da dove veniamo? Cosa ci facciamo qui? Qual è il significato della vita e dell’universo?”
“Langdon era stupefatto.”
“Ed è a queste domande che il CERN sta cercando di rispondere?”
È a queste domande che il CERN sta rispondendo, per la precisione.”
“Galileo Galilei sosteneva che scienza e religione non erano nemiche, ma alleate, che usavano due linguaggi diversi per raccontare la medesima storia, una storia di simmetria e di equilibrio: paradiso e inferno, giorno e notte, caldo e freddo, Dio e Satana … Tanto la scienza quanto la religione cantavano le lodi della simmetria divina, proclamavano l’eterna lotta tra la luce e le tenebre.”

In cerca di Anastasia - Irene M. Adler [i.e. Alessandro Gatti]

“L’uomo che avevamo davanti occupava il vano della porta con una grazia pericolosa ed elegante, da grande felino. Si tolse gli occhialetti dalla montatura dorata, e gli occhi sgranati diventarono subito limpidi e animati da una luce vivace.
-Tu!- esclamò Sherlock, tra l’incredulo e il seccato. Sul viso di Irene colsi un misto di sorpresa, offesa e contentezza.
-Arsène Lupìn!- esclamai.”

Mila una bambina dal passato talmente burrascoso che ancora oggi la perseguita. Irene, sua madre adottiva, quando inizia a capire che la situazione sta diventando troppo complicata si troverà a lottare con se stessa per mettere da parte orgoglio e vecchie vicende lasciate in sospeso ormai da anni, perché solo un detective di fama mondiale come Sherlock e l’infallibile ladro Lupìn possono riuscire in quest’impresa!

Un libro avvincente ed entusiasmante un giallo in piena regola con colpi di scena ed enigmi degni del ladro e del detective più famosi di tutti i tempi!

Ulisse racconta - Mino Milani

“ Il cielo sopra di noi era limpido e azzurro; e così era anche a occidente, là dove eravamo diretti. Mi venne in mente
quell’ antico augurio marinaro <<calma di mare e felice viaggio>>. Gridai: -A Itaca!- e tutti risposero: - A Itaca!-.”

Mino Milani è uno scrittore per ragazzi che ha alle spalle la pubblicazione di centinaia di racconti e una trentina di romanzi.
In “Ulisse racconta” lo scrittore cerca di rendere la storia del viaggio di Ulisse più immediata per i bambini che si avvicinano per la prima volta all’Epica.
Ulisse ci narra in prima persona le sue peripezie: dalla conquista di Troia al ritorno nella sua amata terra natia.
La scrittura è semplice e accompagnata da coloratissime illustrazioni di Amalia Mori.
Un libro da leggere per far appassionare i più piccoli ai grandi classici e per incuriosirli alla lettura degli originali che comunque non saranno mai superati.

Se ti interessano altri adattamenti di grandi libri ti consiglio “ La Tempesta” di Ann Mary Lamb.

La folle biblioteca di nonna Huld - Thóraninn Leifsson

" « ALcuni libri vanno mangiati in fretta» spiegò «altri devono essere inghiottiti interi, infine ci sono quelli che devono essere masticati ben bene e digeriti lentamente. Ma tutti vivono con te, si, si può dire che ciascuno diventa quello che legge»."

Albertina è una bambina di 11 anni vive con i suoi genitori nel quartiere più ricco chiamato la gabbia dorata, dove si è appena trasferita. Lì inizia a frequentare una nuova scuola, l'Istituto Cimici e ben presto dovrà fare i conti con i bulli più temuti! Ma Albertina ha un asso nella manica per non soccombere alle cattiverie e riuscirà a far rimanere tutti a bocca aperta! Nel frattempo tra tecnologia troppo presente, divieti di lettura e sparizioni improvvise si scopre che il temuto pianeta Banca Aurea sta piano piano avendo la meglio sui debiti della gente, ma quando tutto sembra andare per il peggio arriva la trisavola di Albertina che darà a lei e i suoi amici tutte le carte per poter giocare quest'incredibile avventura!
Questo libro è un viaggio nell'immaginazione, mentre affronta temi veramente spinosi come genitori poco presenti, soldi che non bastano mai in una società dove si rischia di perdere i veri valori come la famiglia, la libertà e l'amicizia. L'autore riesce in maniera semplice e molto divertente ad affrontarli uno ad uno, ricordandoci di non perdere mai il bambino che è dentro ognuno di noi!

Il codice Da Vinci - Dan Brown

“Secondo la leggenda, la fratellanza aveva creato una mappa di pietra – una chiave o pietra di volta – una tavoletta scolpita che rivelava il nascondiglio del massimo segreto della fratellanza: un’informazione così importante che la sua protezione era la ragione dell’esistenza stessa della fratellanza”
“Il pentacolo -spiegò Langdom - è un simbolo precristiano legato al culto della natura. Gli antichi vedevano il mondo diviso in due metà, maschile e femminile. I loro dèi e le loro dee cercavano di mantenere un equilibrio dei poteri, yin e yang. Quando il principio maschile e quello femminile erano in equilibrio, nel mondo regnava l’armonia. Quando erano squilibrati, regnava il caos” “Nelle sue interpretazioni più specifiche, il pentacolo simboleggia Venere, la dea della bellezza femminile e dell’amore sessuale”.
Se non vi dilungate sui presunti significati reconditi e vi gustate questo thriller per quello che è, ovvero un affascinante romanzo pieno di pathos e azione incentrato sulla ricerca del santo Graal, esso non vi deluderà così come non ha deluso le altre 85 milioni di persone che lo hanno letto nel mondo

Le nostre anime di notte - Kent Haruf

"-E' una scelta di essere liberi. Persino alla nostra età.
-Ti stai comportando come un adolescente.
-Da adolescente non mi sono mai comportato così. Non mi sarei mai azzardato. Facevo quello che ci si aspettava da me."

Addie e Louis vivono in un piccolo paesino del Colorado, vicini di casa da più di 40 anni, ormai hanno vissuto la loro vita. Entrambi vedovi per la società loro non devono fare altro che passare il resto dei loro giorni in solitudine, ma Addie ha ben altri piani in mente ed un giorno decide di farsi coraggio e bussare alla porta del vicino, con una proposta davvero allettante! E' così tra emozioni ritrovate e voglia di conoscersi iniziano a farsi trasportare da questa nuova esperienza.

Questo libro ci fa conoscere un modo inaspettato di vivere la solitudine, in un mondo dove ci interessa troppo ciò che pensa la gente facendoci capire che non è mai troppo tardi, per iniziare a vivere davvero.

Sei storie della casa di ringhiera - Francesco Recami

Recensione “Sei storie della casa di ringhiera”, Francesco Recami

“ Ci facciamo i fatti degli altri e non vogliamo che gli altri si facciano i fatti nostri. Però crediamo di essere speciali, diversi dagli altri.”
Siamo in un quartiere di Milano, in una tipica casa di ringhiera dove un gruppo di personaggi diventano l’espediente per mettere in scena una serie di vicende tragicomiche che offrono uno squarcio sulle disavventure di un’umanità diversissima in superficie ma in fondo alle prese con lo stesso tempo ciclico che non si ferma di fronte agli inconvenienti, ai segreti non detti e ai propositi di capodanno non rispettati.
L’autore, in questi racconti, ci mostra senza veli i mondi dietro alle porte di un condominio che si affacciano tutte sulla stessa corte: c’è la “signorina” (di età non precisata) falsa invalida sulla sedia a rotelle che si diverte a fare stretching e a farsi professionalmente i fatti degli altri, c’è il nonno che fa da baby sitter, padre, amante e pure criminologo riuscendo male in quasi tutto, l’alcolista che ogni anno si ripropone di cambiare vita e un ottantenne la cui unica passione è una BMW ben oltre le sue possibilità economiche.
Un libro da leggere se ci si vuol divertire a mettere a fuoco con la lente sapientemente usata dall’autore le disavventure di questi comuni ma straordinari personaggi che assomigliano un po’ a tutti noi che cerchiamo di destreggiarci fra le nostre ingarbugliate giornate senza riuscire a vedere la matassa nella sua interezza perché non godiamo del punto di osservazione privilegiato del narratore.
Se vuoi leggere altri racconti leggi “Sei casi al BarLume” di Marco Malvaldi

Vento scomposto - Simonetta Agnello Hornby

Sono rimasta piuttosto delusa perché, se da una parte il soggetto della storia è interessante, dall'altra trovo che sia stato sviluppato con superficialità.
La trama si disperde in dettagli molto spesso inutili e in storie parallele senza conclusione, che niente hanno a che vedere con il racconto principale. Soprattutto non sono state approfondite le caratteristiche introspettive e psicologiche dei personaggi, cosa che, dato l'argomento trattato, sarebbe sicuramente stata utile ad arricchire il romanzo, che, invece, così risulta superficiale e banale, lasciando ben poco al lettore una volta concluso.