Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Caos calmo - Sandro Veronesi

Un evento tragico, accaduto contestualmente ad un’esperienza di vita unica, cambia la vita di un uomo affermato, che si fa risucchiare nel caos della restituzione dei bambini all’uscita della scuola. “Però un caos gioioso, privo di drammaticità, perché i bambini, anche se non sono ancora usciti, hanno già cominciato a spargere qua fuori la sostanza che permette loro di sopravvivere tra gli adulti, quella specie di antistaminico naturale che rilassa un po’ i genitori e li fa regredire, e li rende non solo compatibili ma talvolta addirittura complici del caos del quale loro, i bambini, si sentono parte … il caos semplice e fondamentalmente calmo nel quale vivrebbero tutto il tempo, se gli fosse permesso, senza comprendere fino in fondo la maggior parte delle cose che accadono ma, proprio per questo, con la capacità di viverle molto intensamente”. Quella scuola diventa l’ombelico del mondo, dove una galleria di personaggi di varia umanità si reca per parlare col protagonista, oserei dire confessarsi, esternandogli catarticamente la propria sofferenza. Sembra tutto parossistico, ma invece la trama scorre fluida fino al meraviglioso finale, sorprendentemente lineare. Non a caso Premio Strega 2006 e da cui è stato tratto un film di successo

Giulia 1300 e altri miracoli - Fabio Bartolomei

Questo libro per me è stato una piacevolissima sorpresa. Ben scritto, trama originale, personaggi che meritano di essere ricordati (a partire da quelli "di contorno"), dopo un inizio un po' fiacco mi ha pian piano conquistato. Durante la lettura ho riso, sorriso, mi sono rattristato e ho trovato anche qualche interessante spunto di riflessione. Niente lieto fine... o forse sì ;-)

Il guardiano invisibile - Dolores Redondo

La storia lascia un po' a desiderare, complici alcune incongruenze e un finale poco credibile. Il tocco "folkloristico" (seppure di un certo interesse) mi è sembrato un aggiunta alla storia di cui si poteva tranquillamente fare a meno. I personaggi non hanno caratteri precisi, anzi sono talvolta contraddittori. In compenso la lettura è scorrevole.

Fato e furia - Lauren Groff

Da una parte il libro è affascinante, dall'altra ho durato fatica a leggerlo. Per me è stata affascinante Mathilde (la sua storia, il modo in cui la affronta, il modo in cui "gestisce" il matrimonio), un po' meno Lotto, molto meno gli altri personaggi, spesso semplici comparse. Tutto sommato è una storia semplice, scritta con uno stile abbastanza scorrevole, anche se a tratti ripetitivo. Credo che la fatica derivi dal "disordine" dovuto ai salti temporali e ai punti di vista diversi che aggiungono particolari agli eventi a distanza di pagine. Raggiunge le tre stelle stiracchiate.

Come cerchi nell'acqua - William McIlvanney

Laidlaw è un detective non convenzionale, che segue più l'istinto della logica investigativa, talvolta un po' criptico, ma tendenzialmente leggo volentieri le sue avventure. Inoltre McIlvanney crea personaggi interessanti e in questo caso la storia non è male.

Pratolino - Luigi Zangheri

Ho letto il volume indicato in inventario con il codice MS-19489. Dal titolo si parla di "documenti e tavole" ma il libro è totalmente privo di disegni e/o foto; sotto il titolo però c'è la dicitura "1:Testi e Documenti" che farebbe supporre l'esistenza di un libro "2" nel quale magari possono trovarsi le "numerose riproduzioni di tavole e disegni" di cui si fa menzione nella seconda di copertina e che nel volume da me letto non esistono.

Amore - Leo Buscaglia

Cari amici lettori, curiosando fra i libri offerti dall'Associazione Amici della San Giorgio, di cui faccio parte, ho trovato questo libro. Ho iniziato a leggerlo e ...
Ma che roba è? Impossibile finirlo, ho provato ad andare avanti ma è monocorde.
Per descriverlo mi sono venuti in mente quei telepredicatori americani che si trovano talvolta nei canali televisivi più sconosciuti, e provano ad imbonire il pubblico con le stesse argomentazioni, una sfilza di luoghi comuni. State tranquilli, così come faccio con gli altri, anche questo lo rimetterò nel cestino a disposizione di tutti. Chissà, forse qualcun altro lo troverà interessante

Non ti muovere - Margaret Mazzantini

La trama è ben descritta nel riassunto di presentazione del libro, uno dei casi letterari di maggior successo italiani degli anni duemila. Un evento tragico dà il pretesto ad un padre per avventurarsi, con la tecnica dei flashback, in un viaggio alla ricerca di se stesso, tagliente come il bisturi del protagonista (un chirurgo affermato) che affonda in un passato mai dimenticato. "Ricordo di aver pensato che niente può salvarci da noi stessi, e l'indulgenza è un frutto che cade a terra già cariato". "La vita è un deposito di scatole vuote, mancate. Siamo quello che resta, quello che abbiamo arraffato". "Ma la vita è soffice e si dipana nel tempo, e ci lascia il tempo per tutto".

Lupo Alpha - Alfonso Figini, Paolo Dapporto

La storia, pur essendo abbastanza coinvolgente, non mi ha appassionato. Lo stile di scrittura è fluido e scorrevole, ma a volte l'ho trovato un po' piatto. Ho trovato interessante l'evoluzione personale di Danilo, ma mi sarebbe piaciuto conoscere meglio i personaggi secondari. Nel complesso siamo tra le due e le tre stelle.

American Gods - Neil Gaiman

Il libro è bello. Non si legge d'un fiato, ma è tutt'altro che pesante. Buono l'inizio, meno bella la parte centrale, ottimo il finale. Sono stato letteralmente conquistato dai personaggi, da Shadow a Wednesday, da Laura a Sam a Hinzelmann, da Mad Sweeney a Chernobog a Nancy e tutti gli altri... alla fine del libro ti sembra quasi di conoscerli.

Bruttona & Lingua Lunga - Joyce Carol Oates

Venerdì pomeriggio, uscendo dalla biblioteca. Maledizione! Gli toccava passare accanto ad alcuni suoi “amici” fermi a chiacchierare sulle scale. Parlavano di organizzare una festa per quel fine settimana. Russ Mercer lo vide, arrossì e lo raggiunse di corsa. - Ehi, Matt! Come va? - Matt scrollò le spalle senza guardarlo e Russ, che era stato uno dei suoi migliori amici fin dalle elementari, disse in tono colpevole: - Stavamo giusto mettendoci d'accordo per ritrovarci...vuoi unirti a noi? - e Matt rispose con un sorriso rigido, fisso: - Grazie, ma questo fine settimana ho da fare. Grazie, Russ.

Grazie, Russ.
Grazie a tutti voi.
Il mio cuore è una pietra...non si spezzerà più.

L'ingiusta accusa di voler far esplodere la scuola cambia completamente la vita di Matt: anche quando viene ufficialmente chiarita la sua innocenza, gli amici continuano a tenere le distanze, i bulli lo prendono di mira, tutti lo guardano con sospetto...forse avrebbero preferito che fosse colpevole! Matt si chiude sempre più in sé stesso, isolandosi dagli altri: anche in famiglia il clima è pesante, i genitori reagiscono a quanto accaduto sporgendo una querela nei confronti della scuola e del suo dirigente, il che non fa che peggiorare le cose...l'unica persona che non si adegua al comportamento di tutti e che si espone difendendo Matt, è Ursula, la Gigantessa, intrepida giocatrice di basket. Tra Matt “Lingua Lunga” e Ursula la “Bruttona” nasce un'amicizia profonda che, a poco a poco, si trasforma in qualcosa di più...

Perché leggerlo:La storia si snoda attraverso il racconto parallelo di Matt e Ursula, due adolescenti che vivono “ai margini” del gruppo, l'uno perché subisce una accusa ingiusta e viene emarginato da tutti, l'altra perché cerca di crearsi una propria identità con un atteggiamento fiero e anticonformista che sì, la rende diversa dalle altre ragazze, ma la fa essere oggetti di curiosità e anche stima. Emergono i temi tipici dell'età adolescenziale, come il difficile rapporto con un corpo che cresce in maniera esagerata, le problematiche di comunicazione con i genitori, gli atteggiamenti di bullismo di alcuni e di indifferenza del “gruppo”. In questa storia le emozioni svolgono un ruolo da protagonista: rabbia, frustrazione, solitudine, amicizia...amore.

Se ti è piaciuto allora...leggi anche questo:Il libro consigliato è “A trecento km all'ora”, di Castiglia Guido, per continuare ad esplorare l'intricato mondo interiore degli adolescenti e cercare di capire il disagio profondo che può essere generato da atteggiamenti violenti anche subdoli e sotterranei...

Trilogia del ritorno - Fred Uhlman

Una delle più belle e struggenti storie di amicizia mai raccontate, quella fra un ragazzo tedesco ebreo ed il suo amico tedesco, futuro nazista, ultimo discendente di uno dei casati con maggior storia della Germania. Un messaggio di grande impatto emotivo, con l’amicizia che sopravvive ad ogni incidente di percorso nella vita dei protagonisti. “Qualche volta i ragazzi tra i sedici e i diciotto anni uniscono a un’innocenza ingenua e a una raggiante purezza di corpo e di spirito un impulso appassionato verso una devozione e un altruismo assoluti. Questa fase di solito è di breve durata, ma per la sua intensità e unicità rimane una delle più preziose esperienze della vita”. Il primo libro racconta l’amicizia dal lato del ragazzo ebreo, il secondo da quello del ragazzo tedesco: entrambi sorprendono ed affascinano pur nella brevità dei racconti, che risulta un pregio stilistico. Il terzo libro affronta il tema più spinoso del ritorno post guerra e del perdono, con grande carica evocativa. Per dirla con le parole del protagonista “Le mie ferite non si sono chiuse: pensare alla Germania è come strofinarci sopra del sale”