Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Antibiotici? no grazie - Gabriele Graziani, Luciano Graziani

Il titolo di questo instant book mi ha incuriosito, lo confesso. Corrisponde appieno alla mia visione della cosa da sempre, ovvero di prendere le medicine, e gli antibiotici a maggior ragione ragione, solo quando strettamente necessario, cioè quasi mai. Qui però ho appreso altri concerti interessanti, come per esempio l'utilità di oli essenziali (aglio, bergamotto, chiodi di garofano, eucalipto, lavanda, limone, Pino silvestre, sandalo, timo, trementina, ecc.) per combattere la farmacoresistenza. Ma altrettanto efficace, in sinergia con gli antibiotici o anche da sola in capsule o endovena, è la vitamina C. "Piuttosto che cercare la molecola miracolosa per debellare una malattia, la medicina deve orientarsi verso i cocktail di trattamenti, tra loro compatibili"

Una giornata nell'antica Roma - Alberto Angela

“Come ha bene sottolineato il professor Romolo Augusto Staccioli, i problemi che ossessionavano i romani dell’epoca dei Cesari sono incredibilmente simili a quelli che ossessionano gli abitanti di Roma (e di tutte le altre grandi città). Scorrendone l’elenco c’è da rimanerne sorpresi:
•   il traffico;
•   il rumore e il caos per le strade e i vicoli;
•   il tempo impiegato per gli spostamenti;
•   la sporcizia della città;
•   la crisi degli alloggi con i prezzi alle stelle;
•   i crolli e la mancanza di sicurezza negli edifici;
•   l’immigrazione selvaggia;
•   l’insicurezza notturna.”
Seguendo il consiglio di Leonardo Rosellini, ho voluto immergermi anch’io nei vicoli e nelle strade dell’Antica Roma. Alberto Angela scrive in modo semplice ed efficace, ed al lettore sembra quasi di fare un viaggio nel tempo scoprendo la vita di tutti i giorni di 2000 anni fa. E come vedete dalla citazione sopra riportata, le scoperte che si fanno sono sbalorditive. Consigliatissimo!

Nessuno escluso - Enzo Russo

BELLO BELLO BELLO. Questo libro di un autore per me semisconosciuto è uno spettacolare thriller all'italiana pieno di colpi di scena e personaggi degni di Sciascia. È incredibile che non sia famoso.

Chi manda le onde [Audioregistrazione] - Fabio Genovesi

FLOP 10: Si tratta certamente di uno dei 10 libri peggiori che abbia mai letto/ascoltato. Peccato, perché l'inizio è anche simpatico, la lettura è scorrevole e strappa anche qualche sorriso. Quasi subito però, dopo aver presentato i personaggi, si dilunga in estenuanti ripetizioni dei soliti concetti che non fanno altro che rafforzare gli stereotipi peraltro già marcati e in quantità: i ragazzini sfigati e bulli, il 40enne sfigato che non riesce a combinare nulla nella vita, il ragazzino modello che muore perché sono sempre i migliori che se ne vanno, la 35enne che è bella e non lo sa perché ha sfortunata con gli uomini, il nonno rude ma buono, il duro e puro che poi si scopre omosessuale, uno che sembra tanto una brava persona e poi occulta il cadavere della madre la quale aveva una tresca col fruttivendolo eccetera...). La narrazione va avanti così: espedienti narrativi e luoghi comuni. Qua e là qualche passaggio degno di nota, qualche aforisma interessante ma l'atteggiamento piacione e ruffiano dell'autore ammanta tutto di stucchevolezza.

L' Alchimista - Paulo Coelho

"Quando si vedono sempre le stesse persone … alla fine queste cominciano a far parte della nostra vita. E quando divengono parte della nostra vita, cominciano anche a volerla modificare. Se non ci comportiamo come loro si aspettano, si irritano. Sembra che tutti abbiano l'idea esatta di come dobbiamo vivere la nostra vita. E non sanno mai come devono vivere la loro."
"Qual è la menzogna più grande del mondo? gli domandò, sorpreso, il ragazzo.
E' questa: che a un certo punto della nostra esistenza, perdiamo il controllo della nostra vita, che comincia così a essere regolata dal destino."
"E' il principio che muove tutte le cose, disse. Nell'Alchimia è chiamato l'Anima del Mondo. Quando desideri qualcosa con tutto il cuore, sei più vicino all'Anima del Mondo, che è sempre una forza positiva."
"Perché io non vivo né nel mio passato, né nel mio futuro. Possiedo soltanto il presente, ed è il presente che mi interessa. Se riuscirai a mantenerti sempre nel presente, sarai un uomo felice."
Un libro dalla grande forza evocativa, a tratti anche affascinante, ma nel complesso non mi ha entusiasmato.