Pistoia - Archivio di stato

Informazioni

 

Orario di apertura

lunedì, mercoledì, venerdì 8.45-13.45;
martedì e giovedì 8.45-17.30

Responsabile

Antonietta Saluzzi
antonietta.saluzzi@beniculturali.it

Storia

L'Archivio di Stato di Pistoia conserva i documenti, dall'età medievale all'unificazione, dell'antico Comune di Pistoia e degli altri uffici pubblici e istituzioni che governarono la città e il territorio limitrofo, comprendente allora gli attuali comuni di Abetone, Agliana, Cutigliano, Lamporecchio, Larciano, Marliana, Montale, Piteglio, Quarrata, Sambuca, San Marcello e Serravalle, oltre naturalmente quello di Pistoia.
All'Archivio è pervenuta inoltre la documentazione prodotta dagli organi locali dello Stato unitario relativi all'ambito provinciale che dal 1928, dopo l'istituzione della Provincia di Pistoia, comprende anche la Valdinievole. Tale documentazione moderna arriva ai primi anni del secolo XX con l'unica, importante, eccezione dell'Archivio di gabinetto della Sottoprefettura, poi Prefettura di Pistoia, che copre il periodo 1865-1943.
Tra gli altri archivi conservati si segnalano i fondi catastali con documenti dal secolo XV alla prima metà del '900, quelli provenienti da numerosi istituti di istruzione, assistenza e beneficenza, quelli degli enti laici e religiosi soppressi alla fine del '700 da Pietro Leopoldo e quelli degli ospedali. L'archivio dell'ospedale del Ceppo, poi degli Spedali riuniti, si segnala per la consistenza e qualità delle carte conservate, comprese in un arco cronologico che dal 1287 giunge fino agli anni '50 del Novecento, con documenti in pergamena, campioni di beni rurali e urbani, repertori dei ricoverati.
Di rilievo i fondi documentali di importanti famiglie pistoiesi.
Da ricordare inoltre che, nel 2005, Licio Gelli ha donato alla sua città natale, depositandolo presso l’Archivio di Stato di Pistoia, il suo archivio personale costituito da una notevole raccolta di documenti, fotografie, stampe e pubblicazioni relativi soprattutto alla storia nazionale contemporanea e a vari momenti della vita pubblica pistoiese, ma anche testimonianze della sua vita privata, politica e di letterato. Tale materiale, collocato nell’apposita sala a lui intestata, è consultabile su appuntamento da concordare con il Funzionario Archivista addetto.
L'Archivio di Stato di Pistoia fa parte del SIAS, Sistema Informativo degli Archivi di Stato, (http://www.archivi-sias.it/) che è un progetto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale degli Archivi, per permettere da qualunque postazione internet di accedere alla descrizione del patrimonio documentario conservato nella maggior parte degli Archivi di Stato italiani.